Come migliorare la gestione aziendale?

Gestione aziendale: 6 errori da evitare per il bene delle proprie finanze

Come migliorare la gestione aziendale? Negli anni abbiamo seguito direttamente e indirettamente centinaia di aziende ed abbiamo notato che chi eccelleva nei diversi settori merceologici, adottava più o meno lo stesso metodo di lavoro.
Stessa cosa per chi otteneva risultati inferiori, commetteva pressoché gli stessi errori degli altri.

Abbiamo cercato quindi di riassumere i 6 errori di gestione aziendale che commettono la maggior parte delle aziende che poi finiscono per trovarsi in serie difficoltà.

Come migliorare la gestione aziendale? Gli errori da evitare

1. Avere solo in testa cosa va fatto

Quante volte ci capita di dire: “io in testa so cosa va fatto, io in testa ho il progetto da seguire…” Purtroppo avere “in testa” il progetto, non ci porta ad avere un risultato.

I progetti che si hanno in mente spesso non vengono seguiti, spesso vengono messi nel dimenticatoio, spesso vengono oscurati da altri progetti.

Un buon metodo per ottenere risultati è quello di scrivere il progetto che si ha in testa e di pianificare dei piccoli micro-obiettivi per realizzarlo.

Solamente avendo qualcosa di scritto e che si può “toccare con mano” possiamo avere contezza del lavoro da svolgere e possiamo ottenere un risultato.

2. Non conoscere a fondo la propria azienda

E se vi chiedessimo quanto è il margine di guadagno per singolo prodotto e/o servizio venduto? O se vi chiedessimo in % quanto incide il costo di un dato materiale per la realizzazione del prodotto finito? O più semplicemente, qual è il prodotto o servizio che mi fa marginare di più?

Molto spesso, quasi nella totalità dei casi, un imprenditore non ha dati relativi al prodotto che vende. Non ha dati che gli consentano di capire quanto e se quel prodotto gli sta facendo generare un utile.
Ma facciamo un esempio:

  • Il prodotto X lo vendo a 1.000€, mentre il prodotto Y lo vendo a 500€, tra i due quale prodotto mi fa marginare di più? Ovviamente il prodotto X ci verrebbe in mente di dire… ma se poi andiamo ad analizzare i costi, il prodotto X per poterlo vendere a 1.000€ mi ha fatto sostenere costi per € 850, generando un profitto di € 150, mentre il prodotto Y per venderlo ad € 500 mi ha fatto sostenere costi per € 100, generando un profitto di € 400.
  • Il prodotto con un costo di vendita più basso, mi ha generato un profitto di 2.5 volte di quello con il prezzo di vendita più alto.
  • Questo dato si può avere solamente con una pianificazione aziendale corretta e quindi la domanda è: sono a conoscenza dei miei margini di guadagno?

3. Essere convinti che tutti vedano quello che vediamo noi

Molti imprenditori hanno difficoltà a parlare con i propri dipendenti e molto spesso, nei percorsi formativi che facciamo per i nostri clienti, emerge una difficoltà ricorrente: “io parlo con il mio dipendente ma io dico A e lui capisce B”.

Quello che cerchiamo di trasferire in queste circostanze per migliorare la gestione aziendale è: ma tu sei sicuro di aver dato quell’informazione nella lingua del tuo dipendente?

Ricordiamoci che per esperienze di vita, per esperienze lavorativa, per esperienze personali, non tutti abbiamo la stessa chiave di lettura e l’abilità di un imprenditore di successo, non deve essere quella di dire una cosa ed aspettarsi che tutti la comprendano, bensì quella di dire qualcosa “nel modo in cui i propri dipendenti riescano a comprenderla” e questo comporta spesso che se ho 10 dipendenti, la stessa cosa, singolarmente, devo dirla in 10 modi diversi.

La domanda che ci facciamo è: e se io trovassi una comunicazione efficace per i miei dipendenti che li mettesse nella condizione di comprendere subito e di rendere di più? Quanto sarebbe più produttiva la mia azienda?

4. Cercare i colpevoli

L’azienda sta andando male, abbiamo ridotto gli utili, si vende di meno, le performance si sono ridotti: “è colpa di…”

Quante volte incolpiamo terze persone, incolpiamo chi ci governa, incolpiamo la condizione attuale del nostro paese per delle difficoltà che abbiamo all’interno della nostra azienda?

Sicuramente fattori esterni possono influenzare l’andamento aziendale, ma quanti di noi si soffermano a dire: “che colpa ho io se…” quanti di noi si soffermano a capire cosa noi imprenditori abbiamo sbagliato, dove avremmo potuto migliorare, cosa avremmo potuto correggere per arrivare a…

Umanamente è più facile addossare colpe a terzi piuttosto che analizzare i propri errori, ma la domanda che invece dovremmo porci per avere una crescita aziendale è:

  • Cosa IO avrei potuto fare per migliorare?
  • Cosa IO avrei potuto fare per vendere di più?
  • Cosa IO avrei potuto fare per ridurre i costi?
  • Cosa IO avrei potuto fare per incrementare la produttività del mio personale?
  • Ricordiamoci che l’azienda SIAMO NOI e siamo noi i primi a dover fare dei cambiamenti se vogliamo che ci siano dei cambiamenti nella nostra azienda.

Per una corretta gestione aziendale ricordiamoci, in primo luogo, che l’azienda SIAMO NOI e siamo noi i primi a dover fare dei cambiamenti se vogliamo che ci siano dei cambiamenti nella nostra azienda.

5. Smettere di procrastinare

Quante volte diciamo: “DOPO LO FACCIO” oppure “ADESSO SONO IMPEGNATO NON RIESCO” e magari siamo su Facebook o navighiamo su Internet senza meta.

Il quinto errore da evitare è legato alla procrastinazione… devo fare qualcosa? Togliamoci subito il pensiero.

Capita spesso che se non abbiamo fatto qualcosa, quella cosa ci rimane in testa, rimane in quel limbo delle cose da fare che ci lascia sempre un po’ di ansia e che non ci fa stare sereni perché, prima o poi, dovremmo farla…

Negli anni e nei percorsi formativi svolti per i nostri clienti abbiamo percepito che questo è forse il più grande e delicato problema che riscontrano il 100% degli imprenditori ed è la cosa più difficile da risolvere e spesso vanno fatti dei percorsi mirati, quasi quotidiani per invertire questo trend ed iniziare ad avere una corretta gestione del tempo.

Ma proviamo a ragionare su una cosa: se io mi impegnassi e rispettassi tutte le scadenze e non procrastinassi e mi togliessi tutto subito, quanto sarei più produttivo? Quanto la mia azienda andrebbe meglio? E soprattutto, quanto più tempo potrei avere a disposizione?

6. Non investire in formazione

Molti imprenditori vedono la formazione del proprio personale come un costo e quindi decidono di non farla.

Ma quante volte sentiamo dire: “se pensi che un professionista ti costi tanto… dovresti vedere quanto ti costa un improvvisato”.

Molto spesso il lavoro viene lasciato gestire da persone con una scarsa preparazione e con scarsa conoscenza; ciò comporta poi un’insoddisfazione generale nei nostri clienti e ci mette in condizione di dover trovare sempre nuovo “fatturato” perché il vecchio tende ad andare via.

E se invece il nostro personale fosse impeccabile, autonomo e formato per una corretta gestione del cliente? Quanti risultati in più potremmo ottenere?

Vorresti migliorare la tua gestione aziendale? Contattaci